Miniguida per usare Instagram e vivere felici



Con un miliardo di account creati dalla sua nascita nel 2010 e circa 100 milioni di foto condivise ogni giorno dai suoi utenti, Instagram è ormai uno dei social network fondamentali. Naked Security di Sophos ha pubblicato una miniguida per usarlo e vivere felici che riassumo qui nei suoi punti salienti. Se vi interessa la versione completa, è qui in inglese.


Occhio al furto di account. Gli account Instagram fanno gola ai criminali e ai molestatori, che s'inventano mille modi per rubarli e saccheggiarne i contenuti o semplicemente toglierli ai legittimi utenti. Questo è un reato che vedo avvenire sempre più spesso, soprattutto a danno degli utenti più giovani.


La trappola è solitamente un messaggio che chiede alla vittima di cliccare su un link che la porta a una pagina web che finge di essere quella di richiesta password di Instagram ma è in realtà gestita dai truffatori. Un altro trucco frequente è la finta segnalazione di violazione di copyright, come quelle mostrate qui sotto.



Finte offerte di sponsorizzazione. I truffatori fingono di essere un marchio famoso e offrono agli utenti di diventare influencer pagati per promuovere il loro brand. Poi chiedono le coordinate bancarie sulle quali pagare i compensi e le usano per le loro altre attività criminose.


Truffe sentimentali. Un classico: il finto corteggiatore (o corteggiatrice) costruisce un rapporto di lunga durata con la vittima, adulandola anche per mesi, e ne conquista la fiducia per poi chiederle denaro con la scusa di doversi tirare fuori da un guaio. Non è vero nulla, ma la vittima ci crede e manda i soldi, che non rivedrà più.


Offerte allettanti. I truffatori fingono di offrire un prodotto esclusivo a prezzo stracciato a pochi fortunati, ma per riceverlo bisogna pagare delle "spese di spedizione". Il prodotto non arriva e i soldi pagati non tornano.


Investimenti sicuri. I criminali si mostrano come persone di grande successo materiale e dicono di aver fatto fortuna con un "sistema" che sono disposti a rivelare a chi manda loro un piccolo anticipo. Chi abbocca riceve spesso dei finti "estratti conto" che fanno sembrare che il "sistema" stia rendendo bene. Così la vittima manda altri soldi da "investire" e magari coinvolge anche parenti e amici. Un bel giorno il truffatore svanisce e con lui spariscono anche tutti i soldi.


Naked Security ha quattro consigli di base per vivere serenamente su Instagram:


1) Password robuste e differenti. Non usate su Instagram una password che usate altrove. Se temete di aver dato la vostra password a un sito ingannevole, cambiatela subito, prima che lo facciano i criminali. Valutate la possibilità di usare un password manager.

2) Condivisione limitata. Anche se oggi è considerato normale condividere pubblicamente su Instagram gran parte della propria vita, non è obbligatorio raccontare tutto a tutti. Chiedetevi chi o cosa c'è anche sullo sfondo delle foto prima di pubblicarle.

3) Siate vigili. Se un account o un messaggio vi insospettisce, non interagite, non rispondete e non cliccate sui link che vi manda. Se una cosa sembra troppo bella per essere vera, presumete che non sia vera.

4) Rendete privato il vostro account. Se non avete ambizioni di diventare influencer e invece usate Instagram per restare i contatto con gli amici, impostate il vostro account in modo che sia privato. Solo chi vi segue potrà vedere le vostre foto. Controllate periodicamente l'elenco di questi follower e bloccate chiunque non riconoscete e chiunque non volete più fra coloro che hanno accesso ai fatti vostri. Per rendere privato un account è sufficiente andare nelle Impostazioni e poi scegliere Privacy e attivare il selettore Account privato.



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti